Salento

Autocaravan: Laika EcoVip 3 – Equipaggio: 2 adulti e 2 ragazzi/1 cane

Di seguito vengono descritte varie località visitate percorrendo il Salento dall’Adriatico allo Ionio in estati differenti.

Lecce (2009)

Area camper “Fuori Le Mura” in piena e desolata periferia. Per raggiungerla bisogna prendere l’uscita 3 della tangenziale est e quando ormai si pensa di dover tornare indietro e cercarsi un altro posto, appare la piccola ma molto curata area camper, gestita da una coppia giovane molto gentile. L’area è aperta tutto l’anno. Ha i servizi con docce a gettone, giochi bimbi, camper service comodo ed un cancello che, se chiuso, ci si deve fare aprire suonando. L’area è dotata di navetta per andare in centro (1,50€ la tratta, a persona), altrimenti è possibile utilizzare l’autobus (0,80€ il biglietto). La fermata è a 10 minuti a piedi attraverso uno sterrato un po’ isolato (di sera è meglio usare la navetta che percorrerlo a piedi al buio). I gestori forniscono una cartina della città e gli orari dell’autobus. Il costo dell’area è di 15€ al giorno, compreso il camper service e l’acqua. L’area deve essere lasciata entro le 14 perchè non ha molti posti a disposizione. Molto bella la visita di Lecce sia di sera, tutta illuminata e molto animata, che di giorno. Da non mancare: piazza del Duomo, Santa Croce con il palazzo dei Celestini, piazza Sant’Oronzo con l’anfiteatro, la bella Chiesa del Rosario, Santa Chiara e San Matteo (tutto in stile barocco). Da ricordare che la domenica molte chiese sono chiuse. Inoltre è possibile vedere il castello, il teatro romano, la chiesa greca ed altro ancora. Per un pranzo veloce si possono assaggiare le fritture tipiche.

Merine (2009)

Paese appena a sud di Lecce dove il 12 luglio andiamo a vedere la “sagra del grano”. Sosta nei pressi della sagra nei parcheggi per l’occasione. La sagra del grano è organizzata in vari banchetti sparsi per il paese in cui si compra da mangiare: primi, dolci, carne, birra. Inoltre ci sono molte bancarelle di prodotti tipici e oggettistica. In due piazze c’è musica dal vivo, in particolare “pizzica e taranta” dove molti ballano: veramente caratteristico.

San Foca (2003)

Sosta poco prima di San Foca (provenendo da nord), sugli scogli, con altri 7/8 camper. Acqua bella, niente pesce, spiaggette sabbiose, un po’ di alghe, non molta gente e begli scogli che affiorano dal mare: un bel tratto di litorale. Fontanella lungo la strada, quasi di fronte al punto sosta. Buon posto per dormire perché molto tranquillo. A San Foca spiaggia affollatissima.

Roca Vecchia (2003/2009)

Bellissimi scogli, mare calmissimo e stupendo. Se c’è vento e mare mosso si può comunque fare il bagno nelle varie insenature tra le falesie. C’è anche una splendida piscina naturale collegata con il mare aperto da un tunnel. Al fondo della piscina c’è anche una piccola grotta da cui parte una galleria buia: posto molto bello con acqua trasparentissima. Questo tratto di mare è accessibile direttamente dalle antiche rovine di Roca Vecchia, paese distrutto dai Turchi. Fontanella nella “Piazza del mare” a Roca (difficoltà di rifornimento), sul lungomare in direzione di San Foca.

Sant’Andrea (2003/2009)

Parcheggio sul mare, a sinistra della strada, con limitazioni di traffico in alcune ore della giornata (3€ a notte e 5€ per tutta la giornata ma è tutto abusivo, infatti nel pomeriggio passa la polizia che ordina di spostarsi perché non è un’area “destinata al campeggio”: solito discorso…). Fuori dal parcheggio asfaltato diversi camper si sono messi direttamente sulla falesia. Per arrivarci bisogna prendere la stradina asfaltata che porta al mare a nord del paese. In fondo diventa uno sterrato non sempre bello ma ci sono diversi punti sosta. Per scendere al mare ci sono alcuni accessi scavati a scalini nel tufo (non tutti adatti a bambini e anziani) e l’ingresso in acqua, se il mare è un po’ mosso, non è dei più facili. Bella anche la passeggiata lungo le falesie in direzione di Torre dell’Orso. Il posto è bellissimo. Ci sono alti scogli e faraglioni, grotte ed archi dappertutto. Sulla destra c’è anche una spiaggia sabbiosa. Se il mare è calmo i bagni sono fantastici.

Laghi Alimini (2003)
Sosta nel grandissimo parcheggio a pagamento detto “dei Turchi” (2 Euro). Ricca vegetazione, mare basso, spiaggia sabbiosa ma monopolizzata dai bagni attrezzati. Alle due estremità della spiaggia ci sono, comunque, delle belle zone senza ombrelloni e con dune di sabbia.

Baia dei Turchi (2003)

Parcheggio “Baia dei Turchi” vicino alla pineta che porta alla spiaggia (3 Euro). Bella sia la pineta che la spiaggia (non molto grande).

Otranto (2003/2009)
Otranto: spiaggia del porto Otranto: spiaggia del porto
Sosta nel parcheggio a pagamento che si trova vicino alla spiaggia del porto. Il posteggio è in parte comunale (1,5€ l’ora) e in parte privato (5€ il giorno, 10€ per 24 ore) e va benissimo sia per il mare che per vedere il centro e dormire. Otranto è molto animata e piena zeppa di posti in cui mangiare o comprare prodotti locali e souvenir. Da assaggiare la “puccia”: un ottimo panino caldo imbottito con salame piccante, pomodoro e rucola. Otranto è molto bella ma anche il suo mare, che ha ottenuto il riconoscimento “5 vele blu” per il mare migliore d’Italia, non è da meno. Se nei paraggi il mare è mosso, qui nel porto è molto riparato oltre che pulito e colorato. Unica pecca: una marea di gente.

Porto Badisco (2003)

Parcheggio a pagamento (3 Euro) in paese. Il mare all’interno del porto naturale è molto bello e riparato. C’è molta gente sia sulla spiaggia (bruttina) che sugli scogli da cui ci si tuffa in una bellissima acqua verde.

Santa Cesarea Terme (2003)

Parcheggio sul mare vicino all’hotel “Il Villino”. Molto suggestivo il bel porto scavato interamente nel tufo (in parte adibito a bagni).

Porto Miggiano (2003)
Sosta vicino alla torre, in un parcheggio sterrato accanto al porto, anch’esso scavato interamente nel tufo. Durante la notte la torre, illuminata, è molto caratteristica. Per dormire è meglio non parcheggiare proprio in alto perché vicino alla Torre c’è una discoteca. Si fa il bagno dagli scogli, acqua verde ma anche qui come ovunque c’è poco pesce. Da questo porto partono barchette per la grotta della Zinzulusa. Molto rari i camper service in questa zona. Ovunque, purtroppo, molta immondizia.

Castro Marina (2003)
Posto animato e, la sera, ben illuminato. Sosta nel parcheggio per autobus a sinistra della strada principale, poco dopo la strada che scende a Castro Marina. è a pagamento ma non c’è nessuno.

Grotta Zinzulusa (2003)

Sconsigliato dormire nel piazzale della grotta perché c’è troppa luce, troppa umidità e troppo rumore. Accanto al piazzale c’è una piscina a pagamento (3 Euro). La grotta è caratteristica per la presenza di una numerosissima colonia di pipistrelli e per il camminamento stretto (non proprio piacevole per chi soffre di claustrofobia). Il costo è di 3 Euro e dura ¼ d’ora con la guida: bella l’acqua del mare all’ingresso della grotta ma per quanto riguarda stalattiti e stalagmiti non bisogna avere molte aspettative.

Marina di Andrano (2003)
Ampie possibilità di sosta a pagamento (1 Euro per 2 ore, nel periodo di maggior afflusso di gente della giornata, cioè mattina e sera). Sosta notturna un po’ rumorosa. Si fa il bagno ed i tuffi al fondo del canale che fa da porticciolo, in una specie di pozza rotonda dal cui fondale sgorga un fiumiciattolo di fredda acqua dolce. A parte le correnti di acqua fredda, il posto è riparato e di un bellissimo colore verde trasparente. Poco oltre il paese c’è la Grotta Verde nel cui piazzale è possibile rifornirsi facilmente d’acqua ad una fontanella. Una piccola scala porta alla grotta, accessibile in parte anche a piedi. E’ famosa per i riflessi del sole nell’acqua. Comunica, sott’acqua, con il mare aperto e basta un’immersione di pochi metri per passare da una parte all’altra (non provata). Molto bello mettere la maschera all’interno della grotta ed osservare i curiosi riflessi azzurri che hanno le bollicine d’acqua.

Il Ciolo (2003)

Il Ciolo è un piccolo fiordo di mare verde attraversato dal ponte della strada. Molta la gente che si tuffa ed anche qui una bella grotta con acqua fredda, blu, dai riflessi incredibili e con i piccioni appollaiati alle pareti. Si scende al mare, riparato, con un sentiero che parte dal piccolo bar. Posto molto bello se il mare è calmo.

Santa Maria di Leuca (2003)

Visita al faro ed al santuario (parcheggio lì davanti con fontanella) e poi sosta per la notte nel parcheggio custodito tra il faro ed il centro del paese (6 Euro compreso camper service, lavandini e servizi). La sera il paese è ben illuminato e molto animata la zona del porto. Un trenino porta i turisti fino al faro dove “finisce l’Italia” e si incontrano il mar Adriatico con lo Ionio.

Marina di Pescoluse (2003/2009)
Marina di Pescoluse: Le Maldive Marina di Pescoluse: parcheggio camper
Risalendo verso Gallipoli vediamo grotte e scogliere con mare molto bello nei pressi di Punta Ristola. Sostiamo a Marina di Pescoluse (alla fine del paese) per accedere alla decantata spiaggia detta “Le Maldive”. Si trova all’altezza di un’enorme sdraio con ombrellone su cui di solito ci si arrampica per fare una foto. Il parcheggio costa 15€ per 24 ore: si ritira uno scontrino all’ingresso, prima di andarsene si passa alla cassa del bar a pagare e si ritira un gettone che serve per poter uscire dal parcheggio. La zona per i camper è su erba, al sole, senza vista mare ma molto pulita e tranquilla la notte. Forse c’è il camper service (a noi non serviva e non abbiamo chiesto…). La spiaggia è pulitissima, sabbia bianca molto fine, enorme, mare bassissimo e trasparente: una marea di gente ma quasi tutta la spiaggia è libera. Molto bello il bagno la mattina presto e al tramonto quando la spiaggia si svuota ed il mare è calmissimo e l’acqua calda. Docce al bar (0,50€ fredda, 1€ calda). Bel posto.

Monte Sardo (2003)
Punto Internet a Monte Sardo, qualche Km nell’entroterra (1 PC, 5 Euro l’ora, 1 Euro per 12 minuti). Bella la “Sagra della pasta fatta in casa e del Porcu Pri-Pri” durante la quale il paese, molto carino, si anima anche per lo spettacolo di Pizzica e Taranta. La sagra è organizzata in banchetti collocati per il paese in cui vendono a prezzi contenuti: il primo, il maiale, il pesce, i dolci, i fritti, ecc. che si mangiano in piedi o appoggiati a dei tavoli. Bisogna arrivare presto perché il paese non ha molti punti sosta per camper.

Torre San Giovanni (2003/2009)

Torre San Giovanni: agriturismo Palese
A Torre San Giovanni c’è un’area camper molto cara ma se si vuole solo parcheggiare si va sulla sinistra in un parcheggio a prezzi ragionevoli, sempre sul mare. Possibilità di sosta anche più a sud, poco oltre l’ingresso del campeggio internazionale “Riva di Ugento”; più avanti c’è anche un grosso parcheggio ma lo sterrato è un po’ stretto. La spiaggia ed il mare di Torre San Giovanni sono belli con dune e sabbia fine ma, forse anche per questo, molto frequentati e con animazione. Di fronte c’è un isolotto raggiungibile a nuoto: diversi pesci. In zona c’è anche il campeggio “Agriturismo Palese”: ben curato, piccolino, pulito, molto verde e tranquillo (9€ a persona, scarichi un po’ difficoltosi, 0.50€ la doccia calda). Il mare non deve essere però molto vicino, infatti il camping è quasi vuoto: ottimo per una sosta carico/scarico e riposo notturno. Per la sera e la notte (almeno non in alta stagione) si può sostare a Torre San Giovanni nella piazzetta sul mare dove ci sono alcune bancarelle di frutta e verdura e dove inizia la passeggiata a mare con venditori vari. Da mezzanotte in poi il posto è tranquillo.

Cala Suina (2009)

Sosta nel campeggio “Baia di Gallipoli” che si trova a destra sulla litoranea, qualche km prima di Gallipoli. Camping grande e molto curato: verde, piscina, animazione, sport, navetta per la spiaggia, ecc. (30€ per camper e 2 persone). Mezzo vuoto ad inizio luglio. Per accedere a Cala Suina è possibile parcheggiare di fronte al campeggio nel piazzale di accesso al mare (5€). Mare molto bello ma spiaggia quasi tutta attrezzata. A sinistra della spiaggia principale c’è però una lunga spiaggia libera e deserta perchè piena di alghe. C’è molta gente, animazione, scogli ed una bella pineta molto accogliente sia per la sua ombra e gli ampi spazi che per la pulizia perfetta (molto apprezzata da queste parti perchè assai rara). Oggi il mare è mosso ed è anche un po’ nuvolo ma, in condizioni favorevoli, pare che questo posto sia bellissimo.

Baia Verde/Punta Pizzo (2003/2009)

Sosta lungo la strada principale poco prima di Gallipoli, cioè prima dei due grandi hotel bianchi nei pressi dell’area protetta Punta Pizzo: tantissima immondizia ma sabbia fine, dune, pineta accogliente ed un mare basso, colorato e bellissimo. Sosta molto piacevole anche con il mare mosso perchè c’è relativamente poca gente.

Lido San Giovanni (2009)

Si trova appena a sud di Gallipoli e ci si può fermare nel parcheggio a pagamento (1,50€ l’ora, gratis dalle 13 alle 15) sul mare. In realtà la strada che fiancheggia il mare è vietata ai camper perchè con le auto parcheggiate diventa stretta: da evitare in alta stagione! Noi abbiamo parcheggiato nei pressi del supermercato GS e del negozio Oviesse in una zona arieggiata appena dietro lo stadio. Acqua molto bella, sabbia e qualche scoglio: moltissima gente.

Gallipoli (2003/2009)

Possibilità di sosta nel parcheggio della capitaneria di porto. Per arrivarci non si potrebbe prendere il corso principale (corso Roma) perchè è vietato ai camper ma bisognerebbe passare dal lungomare o da Via Lecce. Per la notte, se si cerca un posto tranquillo, è preferibile uscire. La città nuova di Gallipoli è molto animata; molto meno la vecchia che però è molto bella e caratteristica per i suoi vicoli, la fortezza, le mura e la sua splendida cattedrale. Sempre nella città vecchia, interessante la visita (1,5€) del vecchio frantoio per l’olio delle lampade.

Matino (2009)
Si trova un po’ all’interno all’altezza di Gallipoli, in direzione Otranto. Il posto è abbastanza bello e vale la pena fare due passi in centro. Ottimo come sosta notturna se si è nei paraggi. Si può parcheggiare davanti alla stazione dei carabinieri in un grande piazzale oltre il ponte sulla ferrovia: tranquillo.

Scorrano (2009)

Paese dell’interno vicino a Maglie, lungo la provinciale Gallipoli-Otranto. Sostiamo lungo la strada che circonda il paese, subito a destra. Oggi (6 luglio) il paese festeggia Santa Domenica e per l’occasione ha montato delle luminarie semplicemente fantastiche. Il centro è animatissimo con miriadi di bancarelle e in pomeriggio, in pieno sole e secondo una loro tradizione, c’è una gara tra 4 ditte di fuochi d’artificio che fanno uno spettacolo che dura 1 ora e mezza: peccato che i fuochi di giorno non dicano assolutamente nulla! Qui si mangia lo “scapece” (un misto di acciughe con panpesto, aceto e zafferano) e la “copeta” (un torrone di mandorle buonissimo).

Porto Selvaggio (2003/2009)
Parcheggio lungo la carreggiata all’altezza della stradina sterrata pedonale che scende al mare. I posti sono limitati perciò è meglio arrivarci un po’ presto la mattina. Più avanti, verso nord, c’è comunque un grosso parcheggio ma la strada da fare a piedi a quel punto diventa un po’ lunga… Si arriva al mare in 10-15 minuti con un tratto molto ripido: scarpe o ciabatte comode e poco bagaglio. Porto Selvaggio fa parte di un parco infatti è pulito e ben tenuto. C’è una piccola spiaggia molto affollata ma il mare è bellissimo e se ci si ferma sugli scogli o sotto i pini c’è meno gente. Il porto naturale è molto suggestivo, con l’immancabile torre, situato in una zona incontaminata e senza case (c’è solo un piccolo punto-ristoro). Correnti di acqua fredda in superficie rendono però il bagno un po’ fastidioso. La zona è da snorkeling (freddo a parte). Ombra naturale abbondante.

Torre Uluzzi (2003)

Sosta nel parcheggio ampio e sterrato dell’ultimo bar, vicino ad una torre diroccata. Di nuovo mare molto bello e scogli per i tuffi, pesca sub e nuotate nell’acqua verde.

Sant’Isidoro (2009)

Sosta accanto alla torre, sul mare. Posto molto bello per la sosta e con tramonti notevoli. La spiaggia è monopolizzata da un grande villaggio animato ed il mare è sempre calmissimo perchè riparato anche da un isolotto piatto che chiude l’insenatura e che si può raggiungere a nuoto. Accanto alla torre ci sono gli scogli: valida alternativa se non si vuole stare nel caos della spiaggia. Acqua molto bella ma un pochino “ferma”. Bella atmosfera notturna per i colori ed i riflessi sul mare. Ogni tanto, quando i camper parcheggiano compatti sul mare rovinando il panorama, vengono fatti spostare: cercare di posizionarsi senza essere invadenti.

Porto Cesareo (2003/2009)

In alta stagione il posto è quasi inaccessibile per i camper. Nel 2003 abbiamo provato a cercare parcheggio al porto ma i vigili ci hanno informato che Porto Cesareo era “tutto esaurito”. Attenzione a non prendere strade a caso nel centro perché si rischia di non passare a causa del parcheggio selvaggio e fittissimo. Nel 2009, ai primi di luglio, abbiamo sostato a pagamento al porto (dove si può prendere acqua). Il centro è carino e animato; ci sono bei negozi e tantissime gelaterie e creperie.

Torre Chianca (2003/2009)

Per arrivarci bisogna prendere la seconda strada con l’indicazione per Torre Chianca, provenendo da Porto Cesareo, cioè l’accesso al paese più vicino a Torre Lapillo. Sosta vicino alla torre. Mare sabbioso, bassissimo e bello (si può raggiungere un’isoletta a piedi). C’è molta gente come in tutti i dintorni di Porto Cesareo. Sul mare è vietato il campeggio libero: per la notte è possibile sostare nelle strade tra le case. La spiaggia alla destra della torre ha un mare basso con un po’ di alghe ed è poco frequentata mentre la sopiaggia a sinistra è libera, con mare molto bello ma forse un po’ stagnante. Ancora più a sinistra c’è un’altra spiaggia più bella e con le dune, un bagno attrezzato e mare ancora più bello.

Torre Lapillo (2009)

Sosta notte in un parcheggio sulla destra, a pagamento (8€) e, in teoria, vietato la notte (ma siamo ai primi di luglio…). Davanti al parcheggio c’è una spiaggia libera, incastrata tra due spiaggie a pagamento. Il mare è bello, la spiaggia un po’ più pulita del solito. Un buon punto di sosta è nei pressi della Torre, ben tenuta e visitabile (1€). A Torre Lapillo ci sono diversi negozi per fare la spesa e il giovedì c’è mercato (ricordarsi quindi di non dormire nella zona riservata alle bancarelle il mercoledì notte). Ci sono diverse gelaterie, macellerie, rosticcerie e pescherie ma ad inizio luglio non molta animazione. Il mare di Torre Lapillo è cristallino ma il retrospiaggia fatto di case, a volte vecchie e decadenti, abbrutisce il paesaggio. Molti i cani randagi in giro, anche in spiaggia. Fontanella in piazza.

Punta Prosciutto (2003/2009)

A Punta Prosciutto ci sono due aree camper, ma forse la seconda è solo un parcheggio, indicato sulla strada con la scritta “camper”. I prezzi relativi al 2003 dell’area camper sono: 3€ acqua, 15€ il giorno, corrente non facilmente raggiungibile, docce fredde, ombreggiata, parcheggi abbastanza ravvicinati. Possibilità di sosta vicino al mare al fondo della seconda area camper oppure appena prima, vicino al cartello di divieto di campeggio. Ci sono due spiagge: quella a sinistra è bella, con dune protette, tanti gigli, verde, mare trasparente, bassissimo e colorato. Al centro ci sono gli scogli per pescare e a destra un’altra spiaggia quasi deserta perché con alghe.
Attenzione I proprietari delle varie villette che si affacciano sul mare non vedono di buon grado che i camper parcheggino a bordo spiaggia togliendo loro la vista sul mare così fanno un po’ di ostruzionismo (chiamano i carabinieri, scavano fossati, …). Noi preferiamo dormire a Torre Lapillo, anche per poter comprare pane e giornali la mattina.

Torre Colimena (2009)

Torre Colimena ha una torre molto carina e visitabile (senza cane però altrimenti si viene mandati via in  malo modo dal proprietario che non è propriamente un amante degli animali…). In paese alcuni ristoranti per mangiare pesce fresco.

INFORMAZIONI GENERALI SUL SALENTO

Aree camper
Ce ne sono ormai dappertutto. Si va dai semplici parcheggi a veri campeggi.

Acqua
Molte fontanelle in giro. Nelle aree camper non sempre è potabile.

Prodotti tipici e souvenir
 


Olio, vino, sott’oli (melanzane, peperoni, peperoncini, pomodori secchi, lampascioni, ..), taralli, friselle, rustici, carne di cavallo, pittule, mandorle e semi vari, spumone (gelato), frutti di mare.

Strade
Gli accessi al mare sono quasi tutti fattibili ma l’asfalto alcune volte è pessimo.

Immondizia

C’è la raccolta differenziata un po’ ovunque ma c’è molta immondizia in giro (tranne per alcune spiagge), soprattutto nella zona di Gallipoli.

Animali
Molti cani randagi in giro, sia sulle spiagge che nei paesi o città ma sembrano tutti bravi anche se un po’ affamati.

Sagre e feste

Comperare la rivista “Qui Salento” che elenca le sagre e le feste del periodo. Tipiche le luminarie, le processioni religiose e le feste a tema “alimentare” con balli di pizzica e taranta.

12 commenti su “Salento”

  1. giovanni venier

    Devo partire per il Salento agli inizi di agosto e volevo solo ringraziarti per i consigli e le belle foto che hai messo nel sito.Cercavo proprio un itinerario preciso da fare corredato da foto e cerchero’ di seguire i tuoi itinerari partendo da gallipoli.Grazie e ciao.
    P.s. non sono un camperista,ma mi hai fatto venire voglia di diventarlo……

  2. Ciao! a proposito del tuo bel diario di viaggio, posso chiederti se in quel periodo hai avuto problemi di traffico e se le spiagge erano affollate? io ci sono stata in settembre, in auto, ed era un paradiso, ma volendo tornarci in camper e non potendo evitare agosto, sono un pò preoccupata. Non mi piacciono i carnai. Grazie!

  3. A Margherita: anche a me non piacciono affatto i carnai perciò evito agosto quando posso. Nel mio viaggio in Salento sono rimasta in zona fino al 9 agosto e gli ultimi giorni la gente era aumentata (vedi la foto di Punta Prosciutto). Immagino che ad Agosto si debbano evitare accuratamete i posti famosi durante i week-end, quando si aggiungono ai turisti anche tutti i locali! Le spiagge comunque sono grandi… Auguri!

  4. Complimenti!!!!!!
    Andremo in salento a fine agosto / inizio settembre e questo sito è meglio di molte guide!!!
    Grazie mille!

  5. bellissimo viaggio . Ho in programma un viaggio in puglia fine agosto , primi settembre. Grazie per questo racconto del vostro viaggio, mi sara’ molto utile quando mi trovero’ in quella zona . Grazie ancora

  6. siamo stati 14 gg. in salento dal 29/8 al 9/9.
    Abbiamo trovato un paio di campeggi belli, organizzati,puliti, tipo TORRE CASTIGLIONE E GROTTA PESCOLUSE.
    Altri purtroppo, nonostante le stelle segnalate peccavano in pulizia e servizi mancanti. Ad es.: ALIMINI SMILE 3 * (unico aperto nel periodo) e CALA DEI GINEPRI ad Ostuni.
    Raccolta differenziata un po’ casalinga e non dappertutto. Davvero parecchia sporcizia in alcune aree incolte.

  7. dobbiamo andare in ferie in agosto quando ce il mondo ma pazienza cmq il tuo diario è ben dettagliato e illustrato grazie x le informazioni

  8. palazzoli luciano

    per favore vorrei avere una email del vostro viaggio perche non riesco a stampare il vostro itinerario e tutto molto bllo e fatto bene grazie

  9. Complimenti per i tanti viaggi! Sul salento vorrei chiederti se nelle località di porto cesareo, gallipoli, otranto, ostuni ci si muove bene poi con le bici. Grazie per una tua risposta. Ciao

  10. Sinceramente con il caldo io vado pochissimo in giro in bici (e mio marito la usa solo per andare a comperare qualcosa…), per cui non saprei proprio dirti. Prova a dare un’occhiata a questo sito:

    salentoinbici.altervista.org

    Mi sembra comunque di ricordare che da quelle parti vadano forte i motorini più che le biciclette!

  11. Leggerò volentieri il tuo racconto stasera a casa. Siamo dell’idea di andarci in camper le prime 3 settimane di luglio e vorrei sapere se hai avuto difficoltà con il cane in spiaggia in quanto abbiamo appena preso un cane e grediremmo averlo con noi. Siccome non ho ancora letto completamente il tuo racconto ti prego di non voler considerare questa mail qualora avessi già risposto alla mia domanda…
    grazie saluti

  12. nei pressi di torre san giovanni c’è una area sosta camper attrezzata “campi salentina” con bus navetta che ti porta in spiaggia. pulita e ben curata i servizi sono ottimi. costo € 25,00 al giorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *