(23 agosto – 16 settembre 1989)
Autocaravan: Roller Versilia 550 – Equipaggio: 2 adulti e 2 bambini

Cefalonia, Baia di Antisami (25-26 agosto, venerdì-sabato)
A 4 Km di strada sterrata da Sami vi è questa baia (foto) ove è possibile sostare con il camper sulla spiaggia, dalle acque limpide con sfumature verdi e turchesi a riva (mare profondo a 6-7 metri dalla battigia). Tutt’intorno la macchia mediterranea è l’unica cosa che si vede sulle pendici che circondano il golfo. Alla sera solo il rumore del mare e dei campanelli delle pecore sotto il cielo stellato. Però: pece qua e là sui sassi, mucchi di spazzatura non rimossa. Intravista Sami con scorci di vita greca: la calma quasi indolente della panettiera, il “kafenion”, la macelleria con i quarti di montone penzolanti fuori dal negozio e il garzone che monta la guardia scacciando le mosche. Telefonate ai chioschi dei giornalai: ~20 minuti per prendere la linea.

Lago di Mellissani, Argostoli, Makris Yalos, Platys Yalos (27 agosto, domenica)
Visita al lago di Mellissani, vicino a Sami, dove sgorgano le acque che misteriosamente svaniscono sottoterra al lato opposto dell’isola, ad Argostoli. Il lago è parzialmente a cielo sereno perché il soffitto della grotta è crollato durante il pauroso terremoto del “53. Nel lago ci sono le anguille e bei riflessi dovuti ai raggi del sole che filtrano dall’alto. La grotta ha stalattiti di varia forma, ma non belle, mentre l’acqua è limpidissima. Chiaramente visibile il fondale a 15 metri. Argostoli: capoluogo dell’isola zeppo di turisti la sera. Fontana vicino al ponte che attraversa il braccio di mare. Vicino ad Argostoli ci sono alcune spiagge sabbiose con acqua molto bella e molto verde attorno ma, ahimè ancora troppa gente (Makrys Yalos). La temperatura in camper, di giorno, è sui 35 gradi. Anche la notte fa caldo ma si riesce a dormire. I francobolli si comprano solo in posta. Nei negozi e ristoranti qualcuno parla un po’ l’italiano, mentre l’inglese lo sanno un po’ tutti.

Lassi, Agios Thomas, Argostoli, Scala (28 agosto, lunedì)
Oggi siamo andati in una spiaggetta anonima, ma carina, a nord di Makrys Yalos (Lassi). Nel pomeriggio siamo andati ad Agios Thomas (foto) dove l’acqua è profonda e limpida, ma la spiaggia piccolissima. Ci sono degli scogli piatti a forma di lastroni, da cui ci si può tuffare o prendere il sole. C’è acqua potabile e docce libere nei pressi della spiaggetta! E’ tempo di vendemmia: uva bianca. La sera ritorno ad Argostoli per la cena. Viaggio fino a Scala (Sud).

Scala, Argostoli (29 agosto, martedì)
A Scala, piccolo borgo turistico, c’è un po’ tutto quello che serve: negozietti, giornali italiani, telefono, acqua ai giardinetti, molte possibilità di sosta all’ombra in riva al mare. C’è una bella pineta e una grossa spiaggia con l’acqua subito profonda. Abbiamo fatto un giro in pedalò. Alla sera ritorno ad Argostoli.

Myrtos, Assos, Fiskardo, Agia Efimia, Astakos
Viaggio verso Nord, alla volta della famosa spiaggia di Myrtos. Il mare oggi è mosso e la spiaggia è per metà invasa da grossi cavalloni (oltre che da tonnellate di immondizia). La strada sterrata (3 Km) per arrivarci è molto ripida e non certo bella. Il colore del mare, però, è di un bellissimo azzurro con sfumature dal bianco al blu scuro (foto). Le pareti alle spalle della spiaggia non incutono paura ma, con il mare grosso, non è una sosta che fa per noi e così ripartiamo per Assos. Assos è carino, ma soprattutto è bello il panorama della penisola visto dall’alto (dalla strada) (foto). Dopo il pranzo si prosegue per Fiskardo (estremo Nord) da cui si vede molto bene Itaca. Il traghetto che avremmo dovuto prendere oggi non naviga per via del tempo, forse domani … Anche Fiskardo è pittoresco (foto) ma non così tanto da rimanerci a lungo … perciò trasferimento a Agia Efimia per prendere al volo il traghetto per Astakos (2 ore e mezza).

Astakos, Mitykas (31 agosto-1 settembre, giovedì-venerdì)
Tra Astakos e Mitykas tante belle calette … ne abbiamo scelta una (foto), idilliaca, con sosta camper OK, tra le pecore e il mare. Notte a Mitykas, paese su due mari di fronte all’isola di Kalamos. In questa zona tutti i sapori della Grecia vera…

Lefkada (2 settembre, sabato)
Arrivo a Lefkada. Prima impressione: posto molto turisticizzato, un abisso rispetto ai posti appena lasciati. Giornata con tempo bruttino, però senza vento e con mare calmo.

Lefkada, Giropetra (3 settembre, domenica)
Cielo sereno. Spiaggia con i mulini a vento (foto).

Agios Nikitas, Nidrì, Baia di Desimi, Poros (4 settembre, lunedì)
Agios Nikitas: prima del paese spiaggia accessibile in camper, non eccezionale ma buona. Nel tragitto verso Lefkada bellissime acque viste dall’alto con spiaggia piena solo di capre e praticamente inaccessibile (foto). Bei panorami anche verso Lefkada e dalla parte più a Sud di Giropetra (bagno). In pomeriggio esplorazione della costa orientale. Bella, ma non ci siamo fermati, la spiaggia sotto gli eucalipti di Lygia, alcune intraviste intorno a Nikiana. Deludente Nidrì, il posto più caotico dell’isola e dove l’acqua ha l’aspetto di un lago o di uno stagno. Parziale eccezione la bella baia di Desimi, nei pressi di Niabi, a Sud, ove è situato un campeggio. Arrivo verso sera a Poros, con le sue bellissime spiagge dalle acque verdi e cristalline (foto) (stendiamo un velo sulle azioni di disturbo del proprietario del camping circa il pernottamento). Sosta notte + rifornimento nel paesino subito a Sud di Nidrì.

Sivota, Vasiliki, Porto Katsiki (5 settembre, martedì)
Giro verso le baie di Sivota e Vasiliki. La prima molto adatta ad una sosta libera, ma non troppo chiusa e adibita a porticciolo (non abbiamo fatto il bagno). Baia di Vasiliki, mediocre anch’essa (un po’ meglio nella parte più lontana dal paese). Ottimo invece Porto Katsiki non segnalato da nessuno e ammirato in cartolina e poi, ancor più, dal vivo. Veramente un posto magnifico (foto) paesaggisticamente anche se il mare è un po’ ostico … Ristorantini nei pressi del parcheggio.

Poros, Lefkada, Preveza, Parga (6 settembre, mercoledì)
Di nuovo a Poros, a grande richiesta! Sera di nuovo a Lefkada. Viaggio verso Preveza (traghetto) e poi a Parga (foto) dove arriviamo in pomeriggio (bagno e pranzo a 40 Km da Parga). Pomeriggio: nella spiaggia più pittoresca.

Foce dell’Acheronte, Lichnos (7-8 settembre, giovedì-venerdì)
Gita in caicco alla foce dell’Acheronte con visita a piedi (20×2 minuti!) a Necromantion (oracolo dei morti). Vista di passaggio la baia di Ammodia nei pressi della foce del fiume (sembra un buon posto per una sosta camper). Bagno a Lichnos, peraltro vicina a Parga e graziosa (campeggio sul mare).

Paxos, Antipaxos (9 settembre, sabato)
Gita a Paxos ed a Antipaxos (1,45 h + 20 minuti x 2). Paxos intravista. Ad Antipaxos due ottime baie (Vrika e Voutoumi). La prima (foto) più raccolta e piccola è quella dove abbiamo fatto il bagno noi. La seconda vista solo in cartolina. Entrambe eccezionali (mare tipo Sardegna).

Parga, Kanoni, Paleokastritsa (10 settembre, domenica)
Spiaggia di Voltos (Parga) e avvio al traghetto per Corfù (nei pressi di Igoumenitsa). Arrivo a Lefkimini, tramonto a Kanoni (foto), cena all’aeroporto per la gioia dei bimbi. Sosta notte a Paleokastritsa.

Roda, Sidari, Aghios George Bay, Paleokastritsa (11 settembre, lunedì)
Avendo deciso che Paleokastritsa era meno bella di quanto si pensasse, lungo e laborioso giro verso altri lidi (tutti deludenti): Roda (lunga spiaggia ma acqua meno che mediocre), Sidari (vedi sopra), Aghios George Bay (vedi sopra). Strade impossibili, strette, tortuose, con diverse buche ed interminabili. Non rari gli incroci con i pullman. Sera a Paleokastritsa che ora ci appare come deve essere apparsa a Nausica ed Ulisse e che, comunque, è oggettivamente bella (foto) (specie se vista dall’alto sulla strada verso Lakones) …

Paleokastritsa, Angelokastro (12 settembre, martedì)
A Paleokastritsa in santa pace! Gita in motoscafo alla bellissima spiaggia di Angelokastro, poco a Nord di Paleokastritsa. La spiaggia è di ghiaia e sabbia, con un mare limpidissimo e con alle spalle una scogliera molto alta e ripida (foto), alla cui sommità c’è il castello (non si vede). Il motoscafo ci ha portato alle 10 di mattina ed è venuto a riprenderci alle 6 del pomeriggio. Giornata alla Robinson Crusoe.

Kassiopi (13 settembre, giovedì)
Bellissima spiaggia (foto) nelle vicinanze di un campo da calcio. Acque cristalline anche se l’immondizia tra le rocce è tanta. Grazioso anche il paese, molto animato, come al solito. Cena al porto.

Kassiopi, Baia di Sidari (14 settembre, venerdì)
Baia di Sidari (foto) bella, con acqua bassa, spiaggia stretta con rocce tipo Otranto. Possibile sosta camper su terreno erboso prospiciente alla spiaggia grande.

Glyfada (15 settembre, lunedì)
Spiaggia sabbiosa, mare fin troppo dolcemente degradante. Gruppo di villette basse nel retro spiaggia. OK per bambini.